venerdì 18 febbraio 2011



Un altro disegno copiato da una macrofotografia di mio marito.
Purtroppo non ho più questa bellissima dalia rosso fiamma, i bulbi non prudentemente riparati durante l'inverno sono morti. Ecco l'utilità di immortalarli.
Il giudizio del coniuge sul mio operato non è generoso...dice che non gli piacciono i colori troppo forti, ma che posso farci...la natura così li fece! Forse, ebbene sì, mi sono lasciata un po' prendere la mano soprattutto dal nero. Ma IO non ho photoshop incorporato per fare la taratura del colore e schiarire l'immagine a piacimento. Quel che è fatto è fatto.
Ed ecco a comprova lo scatto dell'autore, mio personal critico d'arte.

3 commenti:

  1. Sandra, sei bravissima!
    Vedo che dopo la pensione hai riscoperto la dimensione del gioco, la gioia di fare le cose per puro piacere e la soddisfazione di farle comunque bene. Anche Gianni con le rose penso che si diverta molto.
    La "terza età",cari amici, è un periodo meraviglioso!

    RispondiElimina
  2. Lindissimo, uma maravilha.
    Ione

    RispondiElimina
  3. Estou em:
    www.ionedartes.blogspot.com

    obrigada

    RispondiElimina